Ecco gli immobili scelti per te


 

Ultimi immobili inseriti

Appartamentino ristrutturato
COM_IPROPERTY_NEW

Appartamentino ristrutturato
Gela, Caltanissetta

€55.000
Appartamento al primo piano
COM_IPROPERTY_NEW

Appartamento al primo piano
Gela, Caltanissetta

€110.000
Appartamento vista mare
COM_IPROPERTY_NEW

Appartamento vista mare
Gela, Caltanissetta

€60.000


 

Gli immobili più visti


 

LE CATEGORIE CATASTALI

Le categorie catastali sono dei simboli che stanno ad indicare la destinazione d'uso delle unità immobiliari urbane.

 

IMMOBLI A DESTINAZIONE ORDINARIA

GRUPPO A

Categoria Descrizione Informazioni
A/1 Abitazione di tipo signorile. Sono abitazioni un tempo nobiliari, con particolari rifiniture pregiate anche a carattere storico.
A/2 Abitazione di tipo civile. Sono le normali abitazioni, con rifiniture semplici di impianti e servizi.
A/3 Abitazioni di tipo economico. Fabbricati realizzati con caratteristiche e rifiniture economiche sia nei materiali utilizzati che per gli impianti tecnologici ma principalmente di dimensioni contenuti rispetto alla al territorio di cui fanno parte.
A/4 Abitazioni di tipo popolari. Abitazioni molto modeste, nelle rifiniture, nei materiali di costruzione e con impianti limitati. 
A/5 Abitazioni di tipo ultrapopolare. Abitazione facenti parte di fabbricati di basso livello, privi di impianti, servizi igienici. Questa categoria è ormai in disuso, è presente solo su vecchi classamenti del catasto.
A/6 Abitazione di tipo rurale. Abitazione a servizio delle attività agricole, ci cui alle caratteristiche del Decreto N° 701 del 1994 del Ministero delle Finanze .
A/7 Abitazione in villini. Sono abitazioni con un minimo di verde o cortile privato o comune, possono essere sia singole, che a schiera oppure a piani.
A/8 Abitazione in villa. Abitazione di pregio con rifiniture di alto livello con grandi giardini o parchi a servizio esclusivo.
A/9 Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici. Antiche strutture con importanti riferimenti storici.
A/10 Uffici e studi privati. Unità immobiliari destinati ad attività professionali.
A/11 Abitazioni o alloggi tipici dei luoghi. Sono case tipiche che per la loro forma e struttura individuano il luogo dove si trovano, ricordiamo i trulli, i sassi o i rifugi di montagna.

GRUPPO B

B/1 Collegi e convitti, educandati, ricoveri, orfanotrofi, ospizi, conventi, seminari, caserme. Strutture destinate all'assistenza dei disagiati, dei religiosi o caserme dello Stato.
B/2 Case di cura e ospedali senza fine di lucro Strutture per l'assistenza agli ammalati che non hanno fini economici.
B/3 Prigioni e riformatori. Strutture costruiti e destinate alla reclusione degli evasori della Legge.
B/4 Uffici Pubblici. Strutture costruiti o adattati per sedi di Uffici Pubblici.
B/5 Scuole e laboratori scientifici. Strutture costruiti e destinati all'istruzione e alla ricerca scientifica.
B/6 Biblioteche, pinacoteche, musei, gallerie, accademie che non hanno sede in edifici della categoria A/9. Circoli ricreativi e culturali, ed attività similari se non hanno fine di lucro. Sedi culturali che non hanno scopi economici e non sono già in palazzi storici.
B/7 Cappelle ed oratori non destinati all’esercizio pubblico del culto. Strutture destinate all'esercizio della religione.
B/8 Magazzini sotterranei per depositi di derrate. Magazzini che hanno lo scopo di deposito di scorte.

GRUPPO C

C/1 Negozi e Botteghe Locali per attività commerciale per vendita o rivendita di prodotti.
C/2 Magazzini e locali di Deposito Locali utilizzati per il deposito di merci, locali di sgombero, sottotetti.
C/3 Laboratori per arti e mestieri. Locali destinati all'esercizio della professione di artigiano per servizi, realizzazione o trasformazioni dei prodotti.
C/4 Fabbricati e locali per esercizi sportivi (senza fine di lucro) Strutture destinate all'esercizio delle attività sportive private.
C/5 Stabilimenti balneari e di acque curative (senza fine di lucro). Stabilimenti e strutture balneari privati.
C/6 Stalle, scuderie, rimesse, autorimesse. Garage, box auto o posti macchina, stalle e scuderie.
C/7 Tettoie chiuse od aperte. Strutture destinate a tettoia o gazebo.
 

Immobili a destinazione speciale o particolare

GRUPPO D

D/1 Opifici. Capannone, fabbrica, struttura dove viene lavorata e trasformata la materia prima. 
D/2 Alberghi e pensioni (con fine di lucro). Strutture ricettive a pagamento.
D/3 Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e simili (con fine di lucro). Lodali destinati all'esibizione artistica aventi ingresso a pagamento.
D/4 Case di cura ed ospedali (con fine di lucro) Ospedali, cliniche e case di cura private.
D/5 Istituto di credito, cambio e assicurazione (con fine di lucro). Banche, assicurazioni e istituti di credito privati. 
D/6 Fabbricati e locali per esercizi sportivi (con fine di lucro). Unità destinate ad attività sportive privati a pagamento, club sportivi, campetti, piscine ecc. 
D/7 Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività industriale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni. Sono quelle strutture costruiti specificatamente per quel tipo di attività a cui sono destinati. Un esempio esplicativo sono i rifornimenti di carburante.
D/8 Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni. Grandi negozi, centri commerciali. 
D/9 Edifici galleggianti o sospesi assicurati a punti fissi del suolo, ponti privati soggetti a pedaggio. Edifici che non hanno un suolo proprio.
D/10 Fabbricati per funzioni produttive connesse alle attività agricole. Sarebbero la categoria a cui devono accatastarsi i vecchi fabbricati rurali. 
GRUPPO E 
E/1 Stazioni per servizi di trasporto, terrestri, marittimi ed aerei. Stazioni ferroviarie, porti, aeroporti. 
E/2 Ponti comunali e provinciali soggetti a pedaggio. Ponti pubblici con passaggio a pagamento. 
E/3 Costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche.  
E/4 Recinti chiusi per speciali esigenze pubbliche.  
E/5 Fabbricati costituenti fortificazioni e loro dipendenze.  
E/6 Fari, semafori, torri per rendere d’uso pubblico l’orologio comunale.  
E/7 Fabbricati destinati all’esercizio pubblico dei culti. Chiese, cattedrali ecc.
E/8 Fabbricati e costruzioni nei cimiteri, esclusi i colombari, i sepolcri e le tombe di famiglia.  
E/9 Edifici a destinazione particolare non compresi nelle categorie precedenti del gruppo E. Tutto quello di categoria E che non è stato possibile inserire nelle categorie precedenti, può essere inserito in questa. 
GRUPPO F 
F/1 Area urbana.

Aree o corti a piano terra di fabbricati già accatastati all'urbano.

F/2 Unità collabenti. fabbricati diruti, con tetto crollato e inutilizzabili.
F/3 Unità in corso di costruzione. Unità che non sono state ancora ultimate. 
F/4 Unità in corso di definizione. Unità incomplete non definite nella consistenza e nella destinazione d'uso.
F/5 Lastrico solare. Terrazze e aree libere sopra unità immobiliari preesistenti.
Studiokasa RE